Politica

Via libera definitivo dal Senato al Jobs Act, la delega sul lavoro per la quale il Governo ha chiesto il voto di fiducia. Renzi: “L’Italia cambia davvero”.

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera all’Agenda per la semplificazione della Pubblixa Amministrazione 2015-2017, che conta 38 azioni che semplificheranno il rapporto tra cittadini e burocrazia intervenendo su cittadinanza digitale, welfare, fisco, edilizia e impresa.

(A.B.) L’Edilizia Residenziale Pubblica nasce con l’intento di offrire un servizio di interesse economico generale alle famiglie in disagio per il periodo di permanenza del disagio stesso.

Le forze politiche e civiche di Minoranza (Forza Italia, Lega Nord, Nuovo Centro Destra, Unione di Centro, Fratelli d’Italia, Solo cose buone per Crema, Servire il cittadino), unitamente a gruppi spontanei di cittadini,hanno chiesto al sindaco di Crema Stefania Bonaldi e alla Giu

La Camera ha approvato il Jobs Act con 316 sì, 6 no e 5 astenuti. L’opposizione non ha partecipato al voto, lasciando l’Aula prima della votazione finale. Ora il testo torna al Senato. “Più tutele, solidarietà e lavoro”, così il Premier Matteo Renzi ha commentato l’avvenuta approvazione.

Il Jobs Act potrebbe essere approvato entro domani, mercoledì 26 novembre, senza ricorrere al voto di fiducia, dopo che ieri la Camera ha votato quasi tutti gli emendamenti.