Intervista al candidato sindaco Simone Beretta

di Rosa Massari Parati

 

-Sig. Beretta Lei si è  candidato con una lista civica , penso sia la prima volta nella Sua storia politica. Cosa l’ha spinta comunque a non rinunciare a candidarsi?

“Io amo la politica quando è  inclusiva. Quando esclude da  il peggio di se.  Ed è quello che è  avvenuto nel centrodestra proprio la prima volta,  e l'ho fatto perché  la politica continui ad essere la buona politica.

Gli ultimi cinque anni ho fatto il mio dovere,  altri un po’ meno per poi pretendere  di dettare le regole del gioco‚ rimanendo un’ altra volta sordi al buon senso di altri. Scegliendo fra l’altro, come ho detto in più circostanze, una candidatura non condivisa, e che ‚ a quanto dichiarato‚non si dedicherebbe a tempo pieno all’ eventuale impegno di sindaco di Crema, come invece la città  richiede e merita. Mia è  la scelta di accettare la richiesta a scendere in campo, ma la responsabilità d’avermi indotto a prenderla è di altri. Ero disposto a fare molti passi indietro, pur di vedere un centrodestra moderato unito e messo nella condizione di condividere un programma e una candidatura a sindaco all’altezza delle responsabilità da gestire.

 

Ampio servizio sul numero di venerdi 3 giugno 2022

Tags: 
Territorio: